Gli Itinerari - Con la neve

L'inverno è la stagione regina per la montagna. A novembre la prima neve, trasforma l’Alpe in una magia bianca. Grazie alla favorevole posizione l'innevamento è assicurato sino ad aprile, e per questo l’Alpe è il luogo ideale per gli amanti dello sci di fondo e dello sci alpinismo. Sui 6 Km dell'anello del fondo che percorre tutta la piana anche chi ha messo gli sci per la prima volta può cimentarsi con i passi classici o con il pattinato. Per chi invece vuole qualcosa di più impegnativo da quest'anno è disponibile il nuovo tracciato che dall'Alpe Devero sale dal "Vallaro" per raggiungere Crampiolo e quindi il Lago del Devero. Sciare sulla superficie ghiacciata del Lago, avvolti e protetti dalle meravigliose montagne che lo circondano, è possibile nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio. Il percorso completo da Devero a Codelago misura 18 km. un anello che fa dell'Alpe il nuovo ed esclusivo paradiso dei fondisti.

Calzate le racchette da neve ed addentratevi nel bosco per un esperienza unica. I sentieri invernali partono dal'Alpe Devero e raggiungono l’Alpe Sangiatto o il Monte Cazzola itinerari dove possono trovare piste immacolate anche gli amanti dello sci alpinismo.

Ecco alcuni degli itinerari per lo sci alpinismo che partono dall'Alpe


Monte Sangiatto e Cobernas - Difficoltà Bassa

Partenza - Alpe Devero
Dislivello - 948 mt.
Tempo Salita - ore 5.30
Epoca – dicembre-aprile

Dall’Alpe fino a Crampiolo passando dalla località Cantone e quindi dalla valletta che porta al Lago delle Streghe. Da Crampiolo prendere leggermente la direzione sud seguendo per breve tratto sulla sinistra idrografica il rio Devero fino alla Corte d’Ardui. Risalire il bosco in direzione est passando per ampi pianori fino all’Alpe Sangiatto (mt. 2010). Incontrati tre laghetti salire aggirare un dosso e salire su una ripida scarpata fino alla Bocchetta della Scarpia (mt. 2248). Dal passo compiere l’attraversamento del pendio portandosi sul costone che dalla vetta scende fino verso est e risalire la cima.

Dopo breve discesa risalire dalla Bocchetta verso ovest e quindi risalire verso la cima del vicino monte Cobernas. La discesa riprende l’itinerario fino alla pianoro sottostante e quindi spostandosi leggermente verso nord seguendo il corso del rio Sangiatto discende di nuovo verso Crampiolo e quindi all’Alpe Devero.


Traversata della Punta di Valdeserta - Difficoltà Media

Partenza - Alpe Devero
Dislivello – 1307 mt.
Tempo Salita - ore 6.00
Epoca – Febbraio-aprile

E’ una gita spettacolare che si svolge in uno scenario aspro e selvaggio. Protetti dai contrafforti della punta della Rossa e del Pizzo Crampiolo gli sciatori devono partire presto per poter godere di condizioni favorevoli di neve.
Dall’Alpe Devero prendere verso nord ed imboccare il vallone che porta verso i piani della Rossa. Una volta giunti ai Piani piegare verso destra salendo su pendii dolci e quindi dopo una svolta a sinistra fino a una bastionata di rocce. Da li puntare verso una depressione più bassa prendendo un pendio ripidissimo da affrontare a piedi. A quel punto si giunge nella conca che divide la Punta della Rossa dal Pizzo Crampiolo. Superare la conca sino al Passo della Rossa (2469 mt.) e prendere a nord. Stare alti sul lago sottostante (Lago del Devero) giungendo su pendii fino alla cresta sud dove possibile con gli sci fino alla punta di Val Deserta (2938 mt.). Dalla vetta scendere nella Valle seguendo direzione nord-est su un largo canale fino ad un ripiano. Proseguire a sud su vari pendii, prima ripidi, fino al fondo della valle. Si giunge al Lago del Devero e da li verso sud alla diga da cui si scende sino a Crampiolo e quindi all’Alpe Devero.


Monte Schwarzhorn - Difficoltà Alta

Partenza - Alpe Devero
Dislivello – 1478 mt.
Tempo Salita - ore 5.00
Epoca – Aprile-maggio

Gita molto interessante ma poco frequentata. La salita è impegnativa. Da percorrere solo in condizione di neve sicura.
Dall'Alpe Devero prendere verso nord sino ai Piani della Rossa . Prendere verso ovest attraversando un pianoro e deviando verso destra salire un ripido pendio che porta in un ampio vallone che scende al Colle Marani. Percorrerlo interamente su salita sempre più ripida sino al Schwarzhorn (3051 mt.). Lasciare gli sci e salire brevemente sino al culmine della cresta (3108 mt.). Discesa per lo stesso itinerario.

 


[ chiudi ] [ stampa ]